Conosci i gruppi #1 – Cantori in Terra di Lavoro

Si esibiranno Venerdì 21 Agosto, la prima delle tre serate di Altraterra 2015. Conosciamo un po’ meglio i CANTORI IN TERRA DI LAVORO attraverso Fernando Cedrone, direttore artistico dei Cantori, che ha cortesemente risposto alle nostre domande.

1 – Come si canta il lavoro in un tempo in cui il lavoro non c’è?

Cantori in Terra di Lavoro

E’ noto che alcuni messaggi socio-antropologici contenuti nei canti agresti in uso durante i lavori stagionali (e soprattutto nel tempo della mietitura), avevano la funzione di “valvola di sfogo” per il ceto agricolo e bracciante a causa di un lavoro mal retribuito e altamente frustrante.
I canti erano caratterizzati dal linguaggio e dai contenuti che trasgredivano le regole imposte da una società stratificata che vedevano i “cafoni” relegati all’ultimo posto.
Oggi sotto altro nome (o forse sotto falso nome) padroni e possidenti si contrappongono ad un ceto medio impoverito da una crisi economica e
culturale globale.
Nel terzo millennio, il diritto di cantare contro un sistema fallimentare, e’ una
necessita’!!!

2 – Quanto è importante la correttezza “filologica” dei testi e delle musiche per voi?

Fondamentale ma soprattutto bello!!!!! Direi necessario almeno quanto e’ nella vita non mentire!!!

3 – Pensi che abbia ancora senso organizzare festival come quello di Altraterra?

DSC_4413[1]Davanti alla travolgente evoluzione attraverso la quale il capitalismo ha scardinato il mondo contadino trasformandolo in società industriale e di massa, con la musica della terra e l’organizzazione di festival di musica popolare si oppone resistenza, difendendo la memoria di una cultura e di un mondo estinto, i cui valori fondanti furono onestà, solidarietà, semplicità e laboriosità.
Tutto puo’ essere “circoscritto” attraverso i versi del Pascoli:
Siepe del mio campetto, utile e pia, che al campo sei come l’anello al dito, che dice mia la donna che fu mia“.
Come “La siepe” che circoscrive e difende dagli estranei il campo del contadino, con i festival, si difendono quella memoria e quel ricordo che ci appartiene!

Contatti del gruppo:


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...